Unione
Rocciatori
Scalatori e
Affini
passeggia
Tutto il percorso

www.walkingitaly.com
Home page URSEA
Informazioni di Copyright
Contatta Webmaster
Vuoi una personalizzazione di questo percorso?
Contatta Aldo Innocenti
Riassunto del percorso: VIE e PIAZZE di PISTOIA: 2' parte Be - Cast (485-Aggiornato al 20-06-2018/20:03:24)
VIA DEL CAN BIANCO: IL CAN BIANCO

Continua con questa seconda parte il grande impegno che Ursea e Walking Italy stanno portando avanti: censire tutte le strade e piazze del centro storico di Pistoia (oltre 250), fotografarle e descrivere l'origine del loro nome. Si tratta di una lavoro enorme: in questa seconda sezione ne vengono descritte 29 e precisamente via delle Belle, piazzetta S. Biagio, via Enrico Bindi, volta Bonanni, via del Bottaccio, via di Porta al Borgo, vicolo dei Botteghini, via Pietro Bozzi, via Bracciolini, vicolo Brontola, via Bruno Buozzi, vicolo Buio, via Buonfanti, via dei Buti, via del Cacio, via dei Campi, via Campo Marzio, via del Can Bianco, via dei Cancellieri, vicolo Capecchi, via Carducci, via del Carmine, piazza del Carmine, via di Porta Carratica, vicolo del Casone, via Castel Cellesi, volta Castel Cellesi, ripa Castel Traetti, sdrucciolo del Castellare.

Tra gli edifici di rilevante importanza compresi in questo elenco citiamo la soppressa Chiesa di S. Iacopo in Castellare: questo edificio religioso venne dedicato a S. Iacopo per implorarne la protezione contro le minacce saracene e l’attributo Castellare e' dovuto al fatto che essa sorgeva in prossimita' di una costruzione fortificata eretta nella prima cerchia di mura, venne soppressa dal vescovo Scipione de’ Ricci nel 1784; la soppressa chiesa di S. Maria in Borgo Strada o S. Biagio, che esiste tuttora ma e' sconsacrata, venne in parte rifatta nel 1340: la parte antica, quella in pietra, risale al XI secolo, mentre quella in mattoni e' la parte modificata. Ancora oggi vi si possono notare due entrate: quella principale reca inciso sull’architrave il nome Morone, che, probabilmente, fu colui che la fece costruire. La parrocchia venne soppressa dal vescovo Scipione de’ Ricci nel 1784 ma il parroco presente all’epoca non rinuncio' al suo incarico tanto che la soppressione divenne definitiva nel 1802 grazie ad un decreto del Granduca di Toscana; la Chiesa del Carmine: il primo insediamento della chiesa del Carmine e del convento adiacente, risale al 1291, poco dopo l'arrivo dei frati Carmelitani a Pistoia. Dell'antica costruzione non rimane che la base del campanile dal momento che tutta la struttura primitiva e' stata modificata ed e' andata gradualmente trasformandosi e scomparendo nei secoli successivi, soprattutto nel XVIII secolo.

Accedi a tutti i dati di questo percorso.
Lo puoi ricevere completo con un piccolo contributo per la nostra attivita'.

www.walkingitaly.com
Avanti
Una vacanza nel mare degli etruschi
Villa "I MACCHIAIOLI" a Castiglioncello

Booking - Prenotazioni *** Buchung
Disponibilitŕ-Availability *** Verfügbarkeit
I nostri calendari
I suggerimenti di walkingitaly
fulviobanner
Le immagini che vuoi sulle tue pareti - Click per sapere di piu'

UFO Anche in Toscana?

Sistemi e Pronostici


Le energie nel mondo
calendario


----