Unione
Rocciatori
Scalatori e
Affini
passeggia
Tutto il percorso

www.walkingitaly.com
Home page URSEA
Informazioni di Copyright
Contatta Webmaster
Vuoi una personalizzazione di questo percorso?
Contatta Aldo Innocenti
Riassunto del percorso: VIE e PIAZZE di PISTOIA: 3' parte Cat - Fe (486-Aggiornato al 12-09-2019/18:24:39)
PALAZZO DEL COMUNE DI PISTOIA

Continua con questa terza parte il grande impegno che Ursea e Walking Italy stanno portando avanti: censire tutte le strade e piazze del centro storico di Pistoia (oltre 250), fotografarle e descrivere l'origine del loro nome. Si tratta di una lavoro enorme: in questa terza sezione ne vengono descritte 27 e precisamente vicolo S. Caterina, via Cavallerizza, via Cavour, via del Ceppo, vicolo Chiappettini, vicolo dei Chierici, via Cino da Pistoia, sdrucciolo dei Cipollini, piazza Giuseppe Civinini, via delle Colonne, ripa della Comunita', vicolo dei Conti, vicolo Conversini, via Corilla, via della Costituzione, via Francesco Crispi, via della Crocetta, via Curtatone e Montanara, via della Dogana, piazza S. Domenico, via del Duca, via Manrico Ducceschi, vicolo del Duomo, piazza del Duomo, via dei Fabbri, corso Silvano Fedi, via Francesco Ferrucci.

In questa sezione sono compresi tutti gli edifici storici piu' importanti di Pistoia: in piazza del Duomo si affacciano il Duomo di San Zeno (che, con i tre edifici che la circondano, il Palazzo dei Vescovi, il Battistero, il Campanile, forma una sorta di cittadella sacra di forte impatto monumentale. La sua data di origine non e' certa; Pistoia era sede vescovile dalla fine del IV sec., ma il primo documento relativo all’attuale cattedrale e' del 923); il Palazzo Comunale (risale alle alla fine del XIII secolo, quando Pistoia conobbe un periodo di grande splendore, ma l’aspetto attuale e' della meta' del XIV sec., il Palazzo dei Vescovi (la cui edificazione risale all’XI secolo quando i vescovi di Pistoia dettero inizio ad una nuova costruzione che sostituisse la vecchia residenza vescovile, il Battistero (prezioso edificio gotico che mantiene nella bicromia dell'esterno rapporti con la tradizione del romanico pistoiese e' detto in corte per il legame con la longobarda curtis domini regis: fu costruito nelle forme attuali poco oltre la meta' del XIV secolo, tuttavia l'impianto originario deve essere ricondotto ad un'epoca precedente visto che gia' ai primi del XII secolo e' documentato un S. Giovanni antistante la Cattedrale), il Palazzo Pretorio, l'attuale Palazzo del Tribunale (l'aspetto medioevale con cui oggi conosciamo il palazzo e' il risultato di un rifacimento eseguito alla meta' dell'Ottocento: in quell'occasione il palazzo fu ampliato includendo tutte le proprieta' adiacenti che cosi' furono riunite in un unico edificio; il fronte con le sue finestre a bifora fu innalzato di un piano e la facciata fu resa omogenea con un intonaco che simula la pietra). Incontriamo poi la chiesa di S. Domenico (il primo nucleo del convento risale alla meta' del XIII sec. mentre la chiesa e' della fine del secolo: al chiostro grande si uni' nel Trecento il portico della Maddalena, e nel Cinquecento un altro chiostro, detto di Fra' Paolino) e l'Ospedale del Ceppo (con il grande fregio robbiano che caratterizza il loggiato e che fu commissionato dallo Spedalingo Leonardo Buonafede allo scopo di promuovere le finalita' benefiche dell'ente e di propagandare la nuova gestione fiorentina.

Accedi a tutti i dati di questo percorso.
Lo puoi ricevere completo con un piccolo contributo per la nostra attivita'.

www.walkingitaly.com
Avanti
Una vacanza nel mare degli etruschi
Villa "I MACCHIAIOLI" a Castiglioncello

Booking - Prenotazioni *** Buchung
Disponibilità-Availability *** Verfügbarkeit
I nostri calendari
I suggerimenti di walkingitaly
fulviobanner
Le immagini che vuoi sulle tue pareti - Click per sapere di piu'

UFO Anche in Toscana?

Sistemi e Pronostici


Le energie nel mondo
calendario


----