Arcidosso

Veduta panoramica

Arcidosso si trova ai margini delle grandi foreste di castagno e faggio che rivestono il versante ovest del monte Amiata: la parte antica e’ adagiata intorno allo storico castello Aldobrandesco, mentre la parte moderna tende a collocarsi sui contrafforti montuosi che formano l’insellatura valliva tra monte Amiata e monte Labro. L’edificio piu’ importante e’ il castello Aldobrandesco, costruito nell’XI secolo: era circondato da una doppia cinta di mura, sulle quali si aprivano le porte, delle quali restano solamente tre, la Porta di Mezzo, la Porta di Castello e la Porta Talassese. Anch tre sono gli edifici religiosi presenti in paese: la chiesa di S. Leonardo (risalente al XII secolo), la chiesa di S. Andrea (che si trova fuori Porta Talassese) e il Santuario della Madonna delle Grazie o dell’Incoronata (edificato nel 1348 per ringraziamento dopo la fine della peste). Sul Corso Toscana si trova la Fonte del Poggiolo, fontana in ghisa realizzata nel 1833 a Follonica nelle fonderie granducali.

Torre Aldobrandesca
Fontana Medicea
Porta Talassese

Sovana

Piazza del Pretorio 1

Sovana: entrati in questo borgo della Maremma ci sembra d’essere tornati nel Medioevo, tanto si e’ ben conservato. Le origini di Sovana sono antiche, risalgono all’Eta’ del Bronzo (Mille a. C.), passando poi agli insediamenti villanoviani e agli Etruschi, i quali le hanno dato fama e lustro (la chiamavano Suana), come attestano le sue monumentali Necropoli e le Vie Cave. Qui e’ nato Ildebrando di Sovana, Papa Gregorio VII, il pontefice che ricevette a Canossa l’imperatore Enrico IV, costretto ad attendere l’udienza scalzo nella neve. Con questo papa, uno dei piu’ famosi della storia, e con l’imperatore tedesco la lotta per le investiture ed il potere temporale raggiunge il suo culmine. Un tempo Sovana, posta sopra un’altura di tufo alla confluenza dei torrenti Calesine e Folonia, era circondata da una cinta muraria etrusca lunga un chilometro e mezzo.

Palazzo Pretorio
Palazzo dell’Archivio
Via Cava di San Sebastiano
Cripta del Duomo
Ciborio della Chiesa di Santa Maria Maggiore (VIII secolo)

Interno del Duomo
Un angolo di Sovana
Piazza del Pretorio 2