Abbazia di San Baronto

L’Abbazia di San Baronto, secondo un’antica leggenda, fu fondata da un monaco di origine francese, Baronto, che avrebbe costruito nel secolo VII prima un romitorio e poi una chiesa, grazie anche all’aiuto di cinque compagni. L’edificio che vediamo ora e’ stato costruito nell’XI secolo, ma fu distrutto dai Tedeschi il 16 agosto 1944: fu nuovamente ricostruito ed riaperto al culto nel 1951. L’interno, a navata unica, con copertura a capriate, conserva una bellissima cripta, dove, in un semplice sepolcro in marmo bianco e verde, riposano le spoglie di S. Baronto e dei suoi cinque compagni (Desiderio, Lucio, Giusto, Andrea e Ermacario).

Torre del Vitoni

In localita’ Collececioli, fra San Baronto e Lamporecchio, nei pressi di Spicchio, si trova la Torre del Vitoni, antica costruzione in pietra che prende il nome dalla famiglia del famoso architetto Ventura Vitoni, che era originaria proprio di qui. La torre, che non versa in buone condizioni, dominava la valle ed era posta a guardia dell’importante strada che collegava la Valdinievole alla Pianura Pistoiese.