Castello Malaspina di Fosdinovo

Il Castello Malaspina si trova a Fosdinovo, in Lunigiana, ed e’ uno dei manieri meglio conservati di tutta la Toscana: l’origine della costruzione attuale non e’ databile con precisione, sicuramente esisteva come opera di difesa gia’ prima del 1200. Certo e’ che a Spinetta Malaspina il Grande e a suo nipote Galeotto si deve attribuire la costruzione della parte piu’ importante del castello. La fama di questa costruzione e’ dovuta anche alla presenza di un fantasma che si aggirerebbe nottetempo per le stanze: si tratterebbe della marchesina Bianca Maria Aloisia Malaspina, che a 15 anni s’innamoro’ perdutamente di un giovane stalliere. A nulla valsero i consigli, le esortazioni e le minacce dei familiari per fare cessare tale relazione amorosa. Dopo una fuga dal convento di S. Croce del Corvo e il rifiuto di sposare il nobile imposto dai genitori, ai parenti non rimase che tentare di eliminare lo scandalo, uccidendo il giovane stalliere e Bianca Maria. La leggenda vuole che Bianca Maria sia stata murata assieme al suo cane (simbolo di fedelta’ verso il ragazzo amato) e ad un cinghiale (simbolo di ribellione verso la volonta’ dei genitori): da allora sembra che vaghi nel castello per far conoscere a tutti la sua triste storia.

Torrione
Ingresso

Castello dell’Aquila

Il castello dell’Aquila si trova in Lunigiana: si tratta di un’imponente struttura che domina dall’alto di un colle il borgo medievale di Gragnola, paese situato alla confluenza tra i torrenti Aulella e Lucido. Il maniero, come molti altri dell’area lunigianese, e’ sorto per controllare il traffico di uomini e merci che si volgeva nella vallate circostanti: ancora oggi dal castello con uno sguardo si puo’ avere quasi tutta la Lunigiana sotto controllo. Oggi appare formato da un unico corpo di fabbrica che ingloba il mastio, composto da quattro piani, e altre tre torri angolari, mentre sulle mura situate a nord sono ancora visibili alcuni tratti di merlatura. Il lento degrado, e gli ulteriori danni subiti a causa del terremoto che colpi’ la Lunigiana il 7 settembre 1920, porto’ al suo abbandono definitivo nei primi decenni del XX secolo. Nel 1996 e’ iniziato un grande lavoro di restauro, terminato dopo una decina d’anni: ora il castello si presenta in tutta la sua bellezza e imponenza.

Castello di Verrucola de’ Bosi

Il castello di Verrucola de’ Bosi si trova in Lunigiana, a poca distanza da Fivizzano: posto a dominio dell’antica strada che collegava le terre lunigianesi a quelle di Reggio Emilia, e’ posizionato al km. 18 della Strada Statale n. 63 del Valico del Cerreto. Il nome deriva dai primi proprietari del maniero, i Bosi, discendenti da Rodolfo da Casola di Lunigiana, vassallo di Matilde di Canossa. Nel 1300 divenne di proprieta’ di Spinetta Malaspina, detto il Grande, che lo ingrandi’ aggiungendo alcune torri accanto al mastio e cingendolo di possenti mura: nel secolo XV a fianco del castello fu costruita la chiesa di S. Margherita, contraddistinta da un loggiato di tipo rinascimentale.