Bagno Grande di San Casciano dei Bagni

Dal centro storico di San Casciano dei Bagni in breve si puo’ raggiungere il Bagno Grande, antichi lavatoi alimentati da acque termali, conosciuti dalla gente del luogo con il nome di vasconi. Qui e’ possibile immergersi nelle vasche che raccolgono le acque a 41° C. Il Bagno Grande, come dice il nome, e’ la sorgente piu’ copiosa delle quarantadue del complesso termale sancascianese: sorgenti che hanno una portata complessiva di circa 5,5 milioni di litri di acqua al giorno, dato che colloca San Casciano al terzo posto in Europa per portata di acqua termale. Nei pressi del Bagno Grande si trova l’antico Bagno Bossolo.

La Sorgente
Bagno Bossolo

San Casciano dei Bagni

Veduta panoramica

San Casciano dei Bagni e’ un borgo noto sin dall’antichita’ per la ricchezza delle sue acque termali: le quarantadue sorgenti, che sgorgano nei suoi dintorni, furono scoperte dagli Etruschi e valorizzate dai Romani, hanno una portata complessiva di circa 5,5 milioni di litri di acqua al giorno, dato che colloca San Casciano al terzo posto in Europa per portata di acqua termale. Il centro storico, di impianto medievale, presenta un dedalo di stradine che salgono fino alla Collegiata ed al Palazzo Comunale. Il castello, vero e proprio simbolo del paese, nonostante la sua forma medioevale, e’ stato edificato soltanto nel 1911. A breve distanza dal centro si trovano il Bagno Grande e il Bagno Bossolo, dove e’ possibile fare il bagno liberamente nell’acqua termale.

Collegiata
Porta
Torre del Castello
Palazzo Comunale

Castello di Fighine

Porta

Il Castello di Fighine si erge a 645 m. s.l.m. su colle che divide la Valle del Paglia dalla zona termale di San Casciano dei Bagni: vanta antiche origini essendo gia’ censito nel 1058. Conservato magnificamente, grazie ai lavori intrapresi negli ultimi anni dagli attuali proprietari, si presenta con tre torri angolari, di cui una quadrata, piu’ alta delle altre, detta Torre Vecchia. Il castello, e’ circondato da mura, intervallate da piccole torri rotonde. Vi si trova la chiesa di San Michele Arcangelo, con navata unica e tetto a capriate, che conserva ancora tre dei cinque altari originari. Al castello si trova anche un ristorante di gran classe, censito su

Castello e Porta

tutte le guide gastronomiche.