Crevole

Pieve di Santa Cecilia

Nel Comune di Murlo si trova il piccolo borgo di Crevole che ci mostra, oltre alle poche case ben restaurate, due rilevanti opere: la Rocca e la Pieve di Santa Cecilia. La parte piu’ elevata della collina sul quale e’ posizionato il paese e’ occupata dai ruderi del cassero della rocca: il lato occidentale da un’alta torre in pietra, intorno alla quale corre una prima cinta muraria con altri cerchi concentrici. La zona dove sorge il castello di Crevole fu in epoca medievale uno dei principali feudi del Vescovo della vicina Siena, da cui il toponimo dell’area comunale di Murlo di Vescovado. La Pieve di Santa Cecilia e’ citata dal 1189: dopo la distruzione della rocca ad opera delle truppe imperiali nel 1554, la chiesa fu annessa al vicariato di Murlo. Dal 1988 e’ diventata di proprieta’ privata e quindi non e’ piu’ possibile visitarla. Nella Pieve di Santa Cecilia si trovava la Madonna di Crevole, dipinto eseguito da Duccio di Buoninsegna. L’opera, eseguita per la Pieve dei Santi Pietro e Paolo a

Castello

Montepescini, fu poi trasferito all’Eremo di Santa Maria a Montespecchio: quando l’Eremo fu abbandonato fu spostato nella Pieve di Crevole; attualmente si trova nel Museo dell’Opera del Duomo di Siena.