L’URSEA  A MATERA, VILLA BETTI, VILLA BALDI, VILLA ZACCANTI E VILLA DI MONTESECCO 

MATERA

FOTO DI  PAOLO NESTI

VILLA BETTI
Foto di Aldo Innocenti
Si trova a Olmi di Quarrata

 VILLA BALDI
Foto di Aldo Innocenti
Si trova a Bottegone: vi ha sede la ASL


VILLA ZACCANTI
Foto di Aldo Innocenti
Si trova a Valenzatico
Da www.villazaccanti.it – La Villa fu costruita a Valenzatico di Quarrata nella seconda metà del ‘700. Progettata come dimora estiva era dotata di scuderie, locali per la servitù e granai, oggi trasformati in parte in cucine e magazzini per la ristorazione. Caratteristica la torretta per l’allevamento di colombi e piccioni con tre grandi aperture finestrate. Oggi Villa Zaccanti dispone oggi di splendide sale affrescate per una capienza massima di 250 persone ed è circondata da un ampio parco. Una veranda in vetro di affaccia sul grande giardino. E’ è oggi aperta al pubblico per qualsiasi tipo di ricevimento grazie alla gestione interna delle cucine.

 VILLA DI MONTESECCO
Foto di Aldo Innocenti
Da www.toscanaincompiuta.wordpress.com La Villa di Montesecco di Pistoia ha origini settecentesche: nacque come casa poderale di proprietà della famiglia Conversini. Successivamente questa proprietà rientrò nel lascito di Tommaso Conversini alla Pia Casa di Lavoro Conversini, confluita dal 1907 negli Istituti Raggruppati. Le trasformazioni ottocentesche trasformarono la casa poderale in villa con l’ampliamento dei corpi a est, e a fine Ottocento la villa veniva adeguata ad ospitare la Scuola Agraria. Le sistemazioni susseguite fino agli anni ’30 portarono alla realizzazione di annessi come il lavatoio coperto che usava l’acqua della gora, il caseificio, le stalle, il pozzo northon, che dettero forma alla struttura attuale della villa e permisero di incrementare lo sfruttamento agricolo dei campi. Il terreno del podere era utilizzato come colonia agricola in cui imparavano il mestiere i giovani supportati dagli Istituti Raggruppati. Negli anni ’30 la Cattedra ambulante di agricoltura operava nei terreni della villa di Montesecco organizzati come “podere modello”. Successivamente il podere fu affittato a contadini. Nel 1980 l’area di proprietà degli Istituti Raggruppati è passata al Comune di Pistoia tramite una donazione modale, che prevede l’utilizzo dei beni a beneficio di giovani svantaggiati. L’area ha ospitato per alcuni anni il campeggio temporaneo del Pistoia Blues Festival. Numerosi progetti ufficiali ed informali si sono susseguiti (albergo, area sportiva, scuola di vivaismo, parco, fattoria didattica, parco della musica, ecc.), ma l’area rimane oggi in gran parte inutilizzata.