Passo delle Radici

Il Passo delle Radici (1527 m. s.l.m.) si trova sull’Appennino tosco – emiliano e separa la Toscana dall’Emilia. La strada del Passo delle Radici e’ nata nel 1852 per l’esigenza di collegare la Lunigiana e la Garfagnana con la strada Giardini – Ximenes, che univa Pistoia a Modena, superando gli insuccessi della Via Vandelli e della Via della Foce o del Duca. Vicino alla Foce delle Radici c’e’ una zona chiamata Imbrancamento: questo nome deriva dal raduno delle greggi in un unico branco che i pastori facevano in quel punto.

Da San Pellegrino in Alpe (quota 1525), c’incamminiamo sopra il paese in

San Pellegrino in Alpe

direzione del crinale appenninico lungo il sentiero CAI n. 50, che ricalca in questo punto il tracciato dell’antica Via Vandelli: in circa 30 minuti di cammino arriviamo ad incrociare una carrareccia. Proprio nel punto nel quale incrociamo questa strada si trova la localita’ Giro del Diavolo (quota 1620, 30 minuti dalla partenza) molto ben riconoscibile per la gran massa di sassi che qui si trovano. Da qui si va a sinistra lungo la sterrata fino ad incontrare la strada asfaltata che collega San Pellegrino in Alpe al Passo delle

Giro del Diavolo

Radici: la percorriamo verso destra ed in breve arriviamo al Passo delle Radici (quota 1527, 1 h. dalla partenza).

 

 

 

 

 

 

 

Chiesa dei Santi Lucia e Marcello a Vinacciano

La Chiesa dei Santi Lucia e Marcello a Vinacciano nel Cinquecento sostitui’ l’antica Pieve di San Marcello, situata e breve distanza, ma a livello piu’ basso: nel XVII secolo la chiesa vecchia fu abbandonata e non piu’ officiata, mentre il nuovo edificio assunse la doppia dedicazione ai Santi Lucia e Marcello. Nel 1576 vi fu aggiunto il portico laterale e, arrivando oggi alla chiesa, quello che ci si presenta alla vista e’ appunto questo loggiato cinquecentesco, dato che l’edificio, a seguito di tanti consecutivi interventi, manca praticamente di una facciata.

Chiesa dei Santi Maria Maddalena e Lazzaro a Spazzavento

Nel luogo dove si trova la Chiesa dei Santi Maria Maddalena e Lazzaro a Spazzavento anticamente erano un ospedale ed un lazzaretto: la strada che transita per Spazzavento, infatti, e’ sempre stata frequentata perche’ lungo questa, che collega Lucca (tappa della Via Francigena) a Pistoia, passava una diramazione della Via Francigena stessa. I pellegrini venivano a Pistoia per venerare una reliquia dell’apostolo Jacopo, custodita nella cattedrale pistoiese. La chiesa parrocchiale e’ stata completamente distrutta dai tedeschi il 12 agosto 1944: quella attuale, ricostruita del dopoguerra, e’ stata aperta al culto nel 1951.