Passo dei Lupatti

Passo dei Lupatti

Il Passo dei Lupatti si trova nel Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi: situato a 1188 m. s.l.m., è posizionato lungo la strada forestale che unisce la località del Cancellino alla Foresta de La Lama. Questa strada bianca è stata tracciata sopra quella che un tempo era la Ferrovia del Legno, una ferrovia decauville che serviva per trasportare il legname dalla foresta alla località Cancellino, posta si fianco alla Strada Provinciale 142 poco prima del Passo dei Mandrioli, in versante toscano. Dal Passo dei Lupatti transita anche il sentiero Cai n. 00, il sentiero di crinale.

 

L’inizio della strada forestale

 

 

 

 

 

Percorso Trekking

Giunti in localita’ Cancellino (quota 1073) parcheggiamo l’auto nel vasto piazzale di quello che un tempo era il luogo di arrivo della ferrovia per il trasporto del legname: vi si trova ancora l’edificio di servizio, che fungeva anche da ricovero alle tre piccole locomotive, ed e’ in eccellenti condizioni di conservazione. Oltrepassiamo la sbarra che chiude il traffico alle auto private e ci incamminiamo lungo la strada che e’ sterrata ma in ottime condizioni in quanto vi viene effettuata continuamente la manutenzione da parte degli operai del Corpo Forestale dello Stato: ci troviamo subito immersi nel folto della foresta di faggi. Voglio ricordare che ogni km. si trova un cippo che reca impresso il numero progressivo di chilometraggio: nel descrivere il percorso vi faremo riferimento continuamente. Il tratto iniziale e’ in falsopiano e ci porta, dopo 1,5 km., alla prima sorgente che si trova subito sotto strada, sul lato sinistro: e’ la Sorgente del Re (quota 1136). Lasciamo la sorgente e proseguiamo il cammino in leggera ascesa per raggiungere, poco prima del km. 3, il Passo dei Lupatti (quota 1171) dove sorgono maestosi alberi di faggio e dove incrociamo il sentiero 00 di crinale proveniente dal Passo dei Mandrioli e diretto al Passo della Crocina: il tratto della ferrovia che andava dal Passo dei Lupatti al Cancellino era in leggera discesa e per questo i vagoni carichi di legname venivano rallentati nella loro corsa da uomini appositamente addestrati chiamati “frenatori”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.