Gualchiere di Remole

Le Gualchiere, o mulini da follare, furono poste in uso per la prima volta in Inghilterra, nella meta’ del secolo XI. La loro meccanica si basava su un grosso cilindro orizzontale, mosso da una ruota ad acqua,

sulla quale una fila di denti sfalsati imprimeva un movimento alternato ad una serie d’aste incernierate, che in tal modo comprimevano i tessuti di lana all’interno di vasche, provvedendo anche ad un’azione di riscaldamento. La meccanizzazione del processo di gualcatura fu il segnale evidente del grande sviluppo raggiunto dalle manifatture nel Trecento. Uno dei piu’ rilevanti impianti di gualchiere, realizzato intorno alla meta’ del Trecento, e’ quello di Remole, situato lungo il corso dell’Arno, lungo la strada che unisce Firenze a Rosano. Le Gualchiere di Remole costituiscono uno dei pochi esempi d’opificio industriale d’epoca tardo – medievale esistenti ancora oggi in Italia, documentando, al tempo stesso, lo sviluppo raggiunto dalla manifattura laniera fiorentina. L’intero complesso delle opere idrauliche e’ rimasto sostanzialmente inalterato.