Torre di Luciana

La Torre di Luciana si trova nel Comune di San Casciano in Val di Pesa: le prime notizie del complesso risalgono al IX secolo, quando era parte integrante di un castello fatto edificare da una famiglia toscana di origine longobarda. Intorno al castello sorgevano il borgo di Luciana e la chiesa di San Donato, oggi scomparsi. Nel 1998 tutta la struttura viene acquistata dal Cementificio Sacci, che provvede al restauro: nel 1992 la stessa societa’ la cede in comodato gratuito all’Universita’ di Siena, la quale ci installa un Osservatorio Astronomico. Nel 2003 l’Universita’ lascia il sito, che da allora viene gestito dal Comune di San Casciano: oggi ospita un Osservatorio Astronomico gestito da una locale societa’ di astrofili. Nel 1992 nei pressi della torre e’ stata installata l’opera Falce di Luna, dello scultore Mauro Staccioli.

Rovere monumentale di Caserotta

La Rovere di Caserotta si trova nel comune di San Casciano in Val di Pesa, proprio di fronte alla famosa Villa di Caserotta, che dal XVIII secolo e’ di proprieta’ della famiglia Ganucci Cancellieri, ma che fu degli Strozzi, i quali, per abbellirla, chiamarono alcuni tra i maggiori artisti del tempo quali Michele di Ridolfo del Ghirlandaio, Il Tribolo e il Bronzino. Questo albero monumentale e’ notevole sia per dimensioni che per bellezza: presenta un tronco di grandi proporzioni, di quasi 8 metri alla base, ma di 5,14 metri all’altezza di m. 1.30 dal suolo, l’altezza e’ di 18 m., mentre il diametro della chioma é di 20 metri. L’eta’ della Rovere di Caserotta e’ superiore agli 800 anni: esiste, infatti, un arazzo del Quattrocento che la raffigura gia’ di dimensioni notevoli, quando si presume avesse gia’ due secoli di vita.

Cipresso dei Cappuccini a San Casciano in Val di Pesa

La zona di San Casciano e Mercatale in Val di Pesa, a pochi chilometri a sud di Firenze, presenta molti alberi monumentali, tra i quali si segnala il Cipresso dei Cappuccini a San Casciano in Val di Pesa, posto di fonte al cancello del Convento dei Cappuccini, sul bordo destro della strada che da San Casciano, da cui dista circa un chilometro, porta a Mercatale. Questo cipresso si segnala soprattutto per le dimensioni del tronco, che ha una circonferenza di cinque metri e mezzo, mentre l’altezza e’ di 16 metri. L’eta’ e’ sicuramente molto antica, tanto che per sostenere il tronco, molto contorto e caratteristico, e’ stato necessario costruire un supporto di cemento.

Chiesa di Sant’Andrea