Pieve di San Paolo in Gurgite

La Pieve di S. Paolo in Gurgite si trova nel comune di Capannori: col toponimo Gurgite era indicato quel tratto di territorio lucchese attraversato dal fiume Serchio compreso fra Antraccoli e Toringo. In questa piccola area le acque del fiume avevano creato una leggera altura: su di essa sorse la prima chiesa plebana, che nel XII secolo fu arricchita di una nuova facciata, a fasce bianche e grigie. Il suo intenso gioco cromatico, ispirato allo stile pisano, e’ accentuato dalla stretta connessione con la torre campanaria merlata, tutta in rosso mattone, che esalta le caratteristiche dell’intero complesso. E’ una delle chiese piu’ antiche del territorio capannorese: se ne ha, infatti, notizia gia’ dall’anno 747, anche se il primo documento che la attesta come Pieve e’ del 779 (S. Pauli de Gurgite plebs battesimali).

Vico Pancellorum

Pieve di San Paolo

Alle pendici del monte Balzo Nero, poco distante dalla statale 12 dell’Abetone e del Brennero, nel tratto compreso tra Bagni di Lucca e Popiglio, sulla riva orografica destra del torrente Lima, si trova, a 636 m. d’altitudine, l’antico borgo di Vico Pancellorum. Abitato fin dal tempo dei romani, da cui il nome Pancellorum (pane degli angeli o dei Pancelli, coloni romani), presenta una splendida chiesa, la Pieve romanica di S. Paolo, gia’ citata nell’873: la sua attuale struttura, pero’, risale al XII secolo. Sopra il portone d’accesso si trova un architrave scolpito, con effigiati un crocifisso, un arabescato, una figura di guerriero armato ed una bellissima scacchiera, nella quale l’effetto cromatico e’ evidenziato dalla maggiore profondita’ delle pedine nere rispetto a quelle bianche.

Vico Pancellorum e il Monte Balzo Nero

Pieve di Valdibure

La Pieve di San Giovanni Evangelista a Valdibure sorge su un poggio a dominare la valle della Bure: costruita nel XII secolo, dipendeva dalla piu’ antica Pieve di Spannareccio, la quale, spazzata via nel 1130 da una piena della Bure, fu sostituita nei suoi possedimenti proprio dalla Pieve di Montecuccoli (originario nome della chiesa di Valdibure). L’edificio, che si presenta in forma romaniche, molto evidenti nell’abside e nel campanile, e’ situato a lato della strada che unisce Pistoia a Riola, lungo l’antica via di comunicazione fra la Toscana e la Pianura Padana. Conosciuta come Pieve di Montecuccoli, aveva come titolare San Giovanni Battista, ma gia’ a partire dal 1541 il patrono divenne San Giovanni Evangelista: cosi’ anche il toponimo Montecuccoli, a partire dal XVI secolo, venne sostituto con quello di Valdibure.

˜
˜