Stazione di Posta di Radicofani

La Posta di Radicofani e’ una grande Stazione di Posta che si trova lungo la Via Francigena nei pressi di questo antico borgo. Fu eretta per volere del Granduca Ferdinando I dei Medici nel 1584 ed ebbe come progettista l’architetto Bernardo Buontalenti, che la costrui’ inglobando un precedente Casino di Caccia del Granduca Francesco I che era situato di fronte alla Dogana Senese quattrocentesca. Davanti ad essa si trova una grande fontana fatta costruire dal Granduca Ferdinando I dei Medici nel 1603 per i bisogni dei viandanti. Fu usata come Stazione di Posta e cambio cavalli fino la fine del 1800; nota come osteria Grossa, ha ospitato moltissimi personaggi importanti tra i quali: i Papi Pio VI e Pio VII, l’imperatore Giuseppe II d’Austria, Giacomo Casanova, il marchese De Sade, Stendhal, François René de Chateaubriand, Mozart, John Ruskin, Charles Dickens e tanti altri.

Loggiato

Fonte Medicea

Radicofani

Chiesa di San Pietro

Transitando lungo la Statale Cassia, in Val d’Orcia, oltre il bivio per San Filippo Bagni e l’Amiata, si nota una torre che spunta sopra gli alberi sulla vetta di un colle: si tratta della torre della Rocca di Radicofani, localita’ conosciuta fin dal Medioevo, perche’ da qui transitava la Via Francigena, e nota anche per essere stata la residenza di Ghino di Tacco, personaggio medioevale reso famoso da Bettino Craxi al tempo del socialismo rampante, quando firmava i suoi articoli sull’Avanti proprio con lo pseudonimo Ghino di Tacco. Dall’alto dei suoi 896 m. s.l.m. Radicofani domina la Val d’Orcia e la Val di Paglia; essendo un borgo d’antiche origini e di nobili trascorsi, molti sono gli edifici degni d’essere visitati: la chiesa di San Pietro (al suo interno ceramiche robbiane), la chiesa di S. Agata, il Palazzo Pretorio, la Villa Medicea La Posta, la Rocca, che domina il panorama, e il Monumento a Ghino di Tacco.