Castello di Fosini

Il castello di Fosini si trova sulla cima di un’alta collina, circondato da fitti boschi, a picco su uno strapiombo: siamo in Comune di Radicondoli, Provincia di Siena, proprio sul confine fra le tre province di Siena, Pisa e Grosseto. Il maniero si trova all’interno della Riserva Naturale delle Cornate e Fosini, vasta 879 ettari, una zona di grande interesse naturalistico. Le prime testimonianze sul castello lo citano tra i possedimenti dei vescovi di Volterra: successivamente fu feudo della famiglia dei Pannocchieschi, conti del vicino castello di Elci. Il nucleo piu’ antico del castello, con la torre, parte delle mura e alcune case del piccolo borgo, risale al XII secolo, mentre la facciata e la chiesa sono frutto di ricostruzioni avvenute nel XVII secolo. Al termine del XX secolo il castello, pur essendo abbandonato, si presentava in buone condizioni, ma insensati atti di vandalismo lo hanno deturpato tanto che i proprietari ne hanno proibito l’accesso circondandolo con una recinzione.

Torre e mura
Torre
Antica Fontana situata nei pressi del castello

Solaio

A Solaio, piccolo raggruppamento di abitazioni situato in Alta Val di Cecina, nel Comune di Radicondoli, s’incontra la Villa Fattoria Solaio, posizionata in uno splendido paesaggio incontaminato. La villa, appartenuta alla nobile famiglia Marescotti, risale al 1600 e possiede un bel giardino all’italiana: oggi, oltre alla produzione agricola (in prevalenza olio), ospita un’azienda agrituristica. A Solaio ha vissuto per qualche tempo Clarice Marescotti, del ramo dei Marescotti di Vignanello, imparentata strettamente con i Marescotti di Montalbano, di cui faceva parte la Villa di Solaio. Dopo una giovinezza dissoluta, Clarice fu inviata in un Convento dell’Ordine francescano: anche qui i primi anni furono improntati ad una condotta non consona all’abito religioso, ma in seguito si dedico’ a servire Cristo e i poveri e lo fece cosi’ bene da compiere alcuni miracoli e divenire santa, la Beata Suor Giacinta Marescotti.