Colle di Val d’Elsa

Veduta panoramica

L’antico borgo di Colle di Val d’Elsa e’ formato da tre nuclei distinti: la Parte Bassa, il Borgo e il Castello. Nella Parte Bassa troviamo la piazza Arnolfo, la chiesa di S. Maria di Spugna, la chiesa di Renaio, la chiesa di S. Agostino e il Museo del Cristallo; nel borgo, cui s’accede dalla Porta Nuova, incontriamo l’ex Ospedale di San Lorenzo, l’ex Conservatorio di San Pietro, la chiesa di S. Caterina d’Alessandria e il Palazzo Renieri – Portigiani (sede del Comune); nel castello, al quale si accede attraverso il Ponte Campana e il Palazzo Campana, notiamo il Bastione di Sapia (dedicato al personaggio dantesco che nella Divina Commedia, Canto XIII del Purgatorio, che assiste entusiasta alla disfatta dei ghibellini senesi presso Colle), il Palazzo Salvetti, il Palazzo Morotti, il Palazzo Giusti, la Cattedrale dei Santi Alberto e Marziale, il Palazzo del Podesta’ o Palazzo Pretorio (che ospita il Museo Archeologico, dedicato a Ranuccio Bianchi Bandinelli), il Palazzo Vescovile, il Palazzo dei Priori (che ospita il Museo d’Arte Civica e d’Arte Sacra), il Teatro dei Varii, la chiesa di S. Maria in Canonica e il Baluardo, dove si trovano alcune case torri, tra le quali la casa torre dove ebbe i natali il famoso architetto Arnolfo di Cambio, autore della torre di Palazzo Vecchio e della Cattedrale di Firenze, ricordato anche da un busto commemorativo in piazza S. Maria in Canonica. Colle e’ famosa nel mondo per la produzione di cristalli.

Casa di Arnolfo di Cambio
Palazzo Campana
Chiesa di Santa Maria in Canonica
Chiesa di San Francesco

Montemerano

Piazza Castello

Montemerano una frazione del Comune di Manciano, in Maremma: il paese e’ inserito nell’elenco dei Borghi piu’ Belli d’Italia. Si tratta di un caratteristico borgo medievale che si e’ sviluppato intorno al nucleo del castello fatto costruire nel XIII secolo dalla famiglia Aldobrandeschi. La Piazza del Castello si trova nella parte alta del borgo ed e’ rimasta intatta nel suo assetto medievale e nelle case di pietra. Anche la cinta muraria e’ ben conservata: gli edifici religiosi presenti sono la Pieve di San Lorenzo, la chiesa della Madonna del Cavalluzzo e la chiesa di san Giorgio. Quest’ultima, costruita nel corso del Trecento ed ampliata in epoca rinascimentale con l’aggiunta del transetto e dell’abside, conserva opere d’arte di rilevante importanza fra cui la famosa Madonna della Gattaiola, cosi’ chiamata perche’ un parroco avrebbe utilizzato la tavola trasformandola in porta e praticandovi il foro per permettere il passaggio dei gatti per eliminare i topi che stavano infestando la cantina.

Chiesa di San Giorgio
Madonna della Gattaiola
Porta Grossetana

Castiglione d’Orcia

Palazzo Comunale

Adagiato ai piedi della grande Rocca Aldobrandesca, in posizione dominante la Via Francigena, Castiglione d’Orcia e’ un borgo di rilevante importanza storica, ancora ben conservato. Notevole e’ il Palazzo Comunale, che si trova su piazza Vecchietta, piazza dedicata al grande scultore e pittore Lorenzo di Pietro, detto il Vecchietta, che qui ha avuto i natali nel 1492. Da visitare la chiesa di Santa Maria Maddalena, restaurata recentemente, con la facciata romanica in pietra, e la chiesa di Santi Stefano e Degna, il piu importante edificio religioso del paese. Qui, nella cappella intitolata alla Madonna, erano presenti tre importanti opere attualmente conservate presso il Museo di Montalcino: Madonna in trono incoronata col Bambino e Angeli di Lorenzo di Pietro, detto il Vecchietta, che si trovava in origine nella chiesa di Santa Maria Maddalena; Madonna col Bambino di Pietro Lorenzetti; Madonna col Bambino attribuita a Simone Martini, anch’essa precedentemente collocata nella chiesa di Santa Maria Maddalena.

Piazza Vecchietta