Chiesa di Certomondo

A breve distanza dalla stele di Campaldino, che ricorda la battaglia del l’11 giugno 1289, in direzione di Ponte a Poppi, si trova l’antica Chiesa di Certomondo, intitolata ai Santi Annunziata e Giovanni Battista. La chiesa fu fondata da Guido Novello, conte di Poppi e Modigliana, a ricordo della vittoria ghibellina di Montaperti (1260): si presenta molto rimaneggiata ed e’ introdotta da un sagrato chiuso da un muro, nel quale si apre un grande portale a bugne lisce. Questa chiesa e’ molto nota perché subito dopo la battaglia vi venne sepolto il comandante delle milizie ghibelline, il vescovo di Arezzo Guglielmo Ubertini.

Passo della Consuma

Il Passo della Consuma, 1050 m. s.l.m., segna il passaggio dal Valdarno al Casentino: vi transita la Strada Regionale n. 70, detta della Consuma. Questa strada, fino ai lavori intrapresi in eta’ leopoldina (seconda meta’ del XVIII sec.), era rimasta poco piu’ di una mulattiera, in cui il transito era possibile soltanto a piedi, con animali da soma o a cavallo, sempre con difficolta’ e con disagi notevoli nella stagione invernale. Nel corso dei secoli tra i tanti che lo hanno valicato ricordiamo l’esercito fiorentino che prese parte alla Battaglia di Campaldino, 11 giugno 1289, cui partecipo’ anche Dante Alighieri, o Mastro Adamo da Brescia che falsifico’ i fiorini d’oro di Firenze per conto dei Conti Guidi di Romena e che fu preso, ucciso e bruciato poco dopo il Passo, in versante casentinese, nella localita’ che da lui prese il nome di Omomorto. Al Passo della Consuma si e’ corsa una delle piu’ importanti gare automobilistiche in salita: la Coppa della Consuma, la cui prima edizione si svolse il 15 giugno 1902; non solo, ma per sessanta anni vi si e’ svolta anche la gara motociclistica. Dopo anni di oblio, dal 1990 al Passo della Consuma si corre di nuovo: vi viene effettuata la cronoscalata per auto d’epoca.